Ospedale, attivata l’ortogeriatria per la gestione integrata e multidisciplinare dell’anziano

Ospedale, attivata l’ortogeriatria per la gestione integrata e multidisciplinare dell’anziano

Dicembre 4, 2018 0 Di Simona Maggi

Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Ospedale, attivata l’ortogeriatria per la gestione integrata e multidisciplinare dell’anziano

Un nuovo modello di presa in carico dell’anziano, il Santa Maria di Terni conferma  la sua duplice missione di ospedale di alta specialità e di ospedale di comunità

Dopo l’attivazione e il completamento del reparto di lungodegenze a gestione medica e infermieristica, con il supporto dell’ufficio dedicato alle dimissioni protette, nell’azienda ospedaliera di Terni  entrata a regime anche l’ortogeriatria, un modello di cura e di gestione dell’anziano con frattura di femore attraverso un approccio integrato multidisciplinare e multiprofessionale (ortopedico, geriatrico, riabilitativo, di nursing e sociale), capace di assicurare un percorso di continuità assistenziale al paziente anziano pluripatologico e fragile.

L’attività di ortogeriatria, dopo una fase transitoria nel 2017,  viene ora garantita da un borsista geriatra e prevede, in linea con le linee guida regionali (DGR N. 1411 del 30/11/2015),  l’adozione di determinate pratiche terapeutico-assistenziali definite in un modello di continuità assistenziale: i pazienti sopra i 75 anni con frattura di femore, garantito l’intervento entro le 48 ore, vengono costantemente seguiti sia dall’ortopedico che dal geriatra in tutto il post operatorio fino alla fase di dimissione.

“Non possiamo naturalmente ignorare che oltre ad essere centro di insegnamento e di riferimento per l’alta specialità – commenta il direttore generale Maurizio Dal Maso – quello di Terni è anche l’unico ospedale della città e svolge quindi anche un ruolo di ospedale di comunità. Non a caso, in questi ultimi anni, molti dei nostri sforzi si sono concentrati anche sulla riorganizzazione e il miglioramento dell’attività assistenziale a pazienti anziani, cui si lega a cascata anche la durata della degenza e di conseguenza la disponibilità di posti letto,  in una regione che registra un indice di vecchiaia altissimo, poco distante dal record della Liguria in Italia. Di qui l’attivazione della Lungodegenza, aperta e completata tra il 2016 e il 2017, della Discharge room per la fase di pre-dimissione (che non riguarda solo gli anziani) e per ultimo del nuovo modello integrato di Ortogeriatria”.

“L’invecchiamento della popolazione – spiega Maria Grazia Proietti, direttrice della struttura di Geriatria – ci  costringe a trovare nuovi approcci terapeutici e setting assistenziali. E siccome qui in Umbria e nel ternano si può dire che vivono si ammalano e muoiono i più vecchi di Italia, anche come azienda ospedaliera abbiamo dovuto rimodulare nel tempo l’organizzazione dei servizi dedicati agli anziani, per garantire un livello di integrazione sempre migliore con i servizi sanitari territoriali e assicurare un percorso di continuità delle cure che è imprescindibile quando si parla di anziani con pluripatologie e con pluriterapie, la cui assistenza non finisce con il superamento della fase di acuzie della malattia e con un normale ricovero ospedaliero”.

Cosa offre l’ospedale di Terni per i servizi all’anziano. Un reparto di geriatria al 5° piano con 29 posti letto per pazienti acuti che provengono dal pronto soccorso, dalla medicina di urgenza, recentemente riorganizzata, e anche da altri reparti. Si tratta di  persone anziane con una o più patologie predominanti anche gravi affiancate da altri problemi concomitanti, che versano di solito in una situazione di grande fragilità  legata talvolta a deficit cognitivi e a sindromi da immobilizzazione.  Insomma, un quadro clinico molto complesso e non raramente di notevole gravità, che richiede un’alta intensità clinica  e una costante rimodulazione degli approcci terapeutici e/o assistenziali

L’attività in numeri

Nel 2017 nel reparto di geriatria sono stati ricoverati 961 pazienti e nel 2018 si stima un lieve incremento che farà toccare la punta dei 1000 pazienti. Sostanzialmente stabili anche i ricoveri in Lungodegenza (535 nel 2017) così come la percentuale di chi proviene da fuori regione, che è circa il 20%. L’età media è di 84 anni per i pazienti ricoverati in  geriatria e 87,5 anni per quelli in Lungodegenza. Si tratta quindi di pazienti molto anziani, fragili, con pluripatologie e con famiglie che li assistono che a loro volta sono formate da persone anziane, di qui l’importanza del rapporto con il territorio e il ruolo significativo delle dimissioni protette.