Emergenza bomba: straordinario contributo del volontariato

Emergenza bomba: straordinario contributo del volontariato

novembre 5, 2018 0 Di Simona Maggi

Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Emergenza bomba: straordinario contributo del volontariato

Francesco Filipponi (Pd): “Oltre 400 persone oltre 60 associazioni, ragazzi e ragazze, uomini e donne delle misericordie, delle confraternite, della Croce Rossa, delle associazioni di Protezione Civile, provenienti da tutta l’Umbria impegnate nell’assistenza alla popolazione”

Terminate domenica pomeriggio  le operazioni di disinnesco di una bomba d’aereo americana da 250 libbre, ovvero 115 chilogrammi con all’interno 60 chilogrammi circa di tritolo, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto nei pressi della stazione di Cesi.

“Come cittadino di Borgo Rivo e come amministratore comunale, seppur consigliere comunale di minoranza – dichiara il capogruppo del Pd Francesco Filipponi –  voglio sottolineare e  ringraziare lo straordinario mondo del volontariato che ha consentito assistenza preziosa alla popolazione ternana soggetta all’evacuazione di domenica per la neutralizzazione dell’ordigno di Cesi”.

“Oltre 400 persone, oltre 60 associazioni, ragazzi e ragazze, uomini e donne delle misericordie, delle confraternite, della Croce Rossa, delle associazioni di Protezione Civile, provenienti da tutta l’Umbria si sono messi a disposizione garantendo professionalità, umanità, dedizione, tutto questo in cambio della sola voglia di fare per gli altri. Una mobilitazione che domenica non si è esaurita con il ritorno a casa dei cittadini, ma che è proseguita fina a sera nella gestione delle strutture, dei materiali, delle auto e dei mezzi di soccorso”.

“Un lavoro oscuro e importante – conclude Filipponi – che è iniziato dal momento dell’emergenza ma che poi ha avuto il suo clou sabato e domenica. L’ottimo funzionamento delle strutture di accoglienza e sostegno è dovuto, oltre che al lavoro dei dipendenti comunali e regionali, dai tanti cittadini che sono soliti rimboccarsi le maniche. L’Umbria ha un patrimonio di solidarietà e umanità che non sarà mai disperso. Grazie ancora per la pazienza, il tempo speso, la gentilezza messa in campo”.