La carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

La carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

ottobre 8, 2018 0 Di Federica Fiocchi

Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

La carta dei diritti dei figli nella separazione dei genitori

“Ideale sarebbe che il nucleo familiare riuscisse a sopravvivere alle difficoltà…”  ricorda  Filomena Albano, autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza

Non vi è dubbio che una separazione segna un cambiamento di vita, di abitudine, si entra in casa e non si percepiscono più i rumori assordanti dei giochi, della tv, la quotidianità cambia e manca.

Il genitore, deve riorganizzare un percorso di vita, con la necessità di risanare un equilibrio mentre i minori, finiscono in mezzo a guerre al massacro tra avvocati, psicologi, assistenti sociali, tribunali, a volte gli adulti diventano dei fuoriclasse.

Nel rielaborare i dati e nel pianificare la separazione, gli adulti prestano più attenzione alla regolamentazione degli alimenti e mantenimenti, tra redditi impari. Gli adulti dovrebbero garantire ai minori, tutta la protezione ed evitare le sofferenze emotive, senza influenzare il percorso di vita, ma talvolta non avviene.

I minori pagano i conti della sofferenza, mentre gli adulti sterili nei sentimenti, ma bramosi ed avvezzi agli insulti reciproci, consentono ai figli di rassegnarsi all’ assordante mutismo e alle mancate spiegazioni.

Il Parlamento lavora sul disegno di legge Pillon, mentre nell’ordinamento si dovrebbero introdurre “nuove regole” sull’affido condiviso, viene pubblicata la Carta dei diritti dei figli.

La Carta, designa solo 10 articoli, un decalogo di principi di valore etico, che intende promuovere e rendere consapevole i minori stessi www.garanteinfanzia.org
I principi base della Carta dei diritti dei figli sono ispirati alla Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. La Carta è il frutto dell’esperienza maturata dagli esperti, associazioni e bambini di minore età.
“Nulla impedirà al sole di sorgere ancora, nemmeno la notte più buia. Perché oltre la nera cortina della notte c’è un’alba che ci aspetta ” Gibran