Al Terni Pop Film Fest premiati Maurizio Mattioli e Moisè Curia

Al Terni Pop Film Fest premiati Maurizio Mattioli e Moisè Curia

settembre 29, 2018 0 Di Simona Maggi

Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Al Terni Pop Film Fest premiati Maurizio Mattioli e Moisè Curia

Anteprima di “Non è vero ma ci credo” – opera prima di Stefano Anselmi che uscirà nelle sale il 4 ottobre con Notorius Pictures

Gran finale domani 30 settembre per il  Terni Pop Film Fest – Festival del

Cinema Popolare che  ha ospitato un cast d’eccezione per l’anteprima di “Non è vero ma ci

credo” – opera prima di Stefano Anselmi che uscirà nelle sale il 4 ottobre con Notorius Pictures.

Il film, scritto e interpretato da Nunzio e Paolo (gli ex veejay della storica emittente romana Magic

TV finalmente insieme al cinema), è stato accolto con grande entusiasmo dal pubblico ternano.

Oltre alla presenza di Loredana Cannata, Micol Azzurro, Elisa Di Eusanio e Giulia Di Quilio, a

sovrastare la scena per la prima parte della serata è stato il grande attore romano Maurizio Mattioli

che ha ricevuto anche il Premio alla Carriera. “Sono un po’ imbarazzato ma molto felice” – ha

esordito l’artista – “ricevere un premio è sempre una gioia, vedere che il pubblico, nonostante il

passare degli anni, continui sempre ad apprezzarti e a rivolgerti un pensiero è davvero una grande

emozione”.

Ma altrettanto emozionante è stato partecipare al Festival del Cinema Popolare per introdurre un

film a cui tutti gli attori si sono detti particolarmente legati. “Non è vero ma ci credo è una fiaba in

chiave commedy, un film per tutti, che prende a pretesto l’eterna sfida fra vegani e carnivori ma

non è un film vegetariano, bensì un film carno-vegetariano” hanno spiegato Nunzio e Paolo. A fare

eco ai due, poi, è stata Micol Azzurro che ci ha tenuto a spiegare come questo sia un film sulla

condivisione: “si tratta di una commedia in cui cerchiamo di far capire come il senso della parola

condividere possa essere applicato anche fra persone con abitudini alimentari diverse”. Per

Loredana Cannata – vegana e attivista convinta tanto nella ita quanto nel film – è stata una

“meravigliosa occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sui diritti degli animali, troppo

spesso ignorati”.

Un omaggio “pop” al cinema di ieri e di oggi quindi, ma come sempre con uno sguardo vigile sul

“pop” di domani – proprio come vuole la linea editoriale dei due direttori artistici Simone Isola e

Antonio Valerio Spera. Per questo, oltre a Maurizio Mattioli, nel corso della serata è stato

assegnato anche un altro importante premio ad un giovanissimo e talentuosissimo attore, Moisè

Curia a cui è stato assegnato il Premio Volto Popolare del futuro. Curia, infatti, a breve uscirà

nelle sale con la nuova commedia di Alessio Maria Federici Uno di famiglia (nelle sale dal 25

ottobre con Warner).