Terni, cimitero nel degrado fra bare maleodoranti aperte all’esterno, buche ed escrementi

Terni, cimitero nel degrado fra bare maleodoranti aperte all’esterno, buche ed escrementi

luglio 11, 2018 0 Di Redazione TERNI 01
Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Terni, cimitero nel degrado fra bare maleodoranti aperte all’esterno, buche ed escrementi

Ora sulla vicenda intervengono Earth Umbria che da tempo si occupa delle vicende del cimitero. A parlare è il presidente Niccolò Francesconi

Si torna a parlare dei problemi del cimitero di Terni, complice anche l’episodio che nel fine settimana si è verificato in zona Madonna del Monumento, dove sono state lasciate incustodite ed aperte alcune bare dopo la riesumazione delle salme che contenevano, col risultato che l’odore nauseabondo – complice il caldo africano – ha creato non pochi problemi ai residenti delle case vicine, alcuni dei quali hanno accusato anche disturbi vari. Quasi tutti sono stati anche costretti nel weekend a chiudersi in casa con le finestre tappate nonostante la canicola

Polemica Latini-Asm

Una vicenda che non ha mancato di sollevare la prima polemica a distanza fra il neo sindaco Latini e la Asm. Il primo cittadino aveva incontrato i responsabili dei servizi cimiteriali, che mancavano del bidone dove avrebbero dovuto essere smaltite le bare: “Ho chiesto ai responsabili del servizio la massima attenzione affinché non si ripetano più episodi simili”:, aveva detto  in una nota. Latini aveva poi aveva spiegato che i materiali accumulati come di consueto dall’ Ati incaricata del servizio si trovavano all’ interno dell’ area adibita allo smaltimento, dove vengono presi in carico dall’ Asm. “Gli evidenti disagi per chi risiede nelle vicinanze – aveva commentato Latini – sono dovuti a diversi fattori, tra i quali le alte temperature, il modo in cui i materiali differenziati vengono stoccati in attesa del recupero, la frequenza del ritiro da parte di Asm”. A quest’ ultima il sindaco ha chiesto “di implementare e migliorare il ritiro dei materiali per evitare il rischio di accumuli specie nel periodo estivo”. Immediata la replica dell’Azienda: “Asm Terni Spa non gestisce i cimiteri, e non effettua alcuna attività di riesumazione né di estumulazione delle bare; Asm Terni Spa, su chiamata del Comune, mette a disposizione un cassone per ritirare i rifiuti che devono essere messi, dalle ditte che gestiscono i cimiteri, in “big bag” dopo la sanificazione, adeguatamente documentata;  Asm Terni spa gestisce il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti e si limita a curare lo smaltimento del cassone di cui sopra, una volta riempito.Da quanto sopra dichiarato, si evince che, come sempre e come prassi ordinaria, Asm svolge correttamente il proprio ruolo di azienda al servizio della città”.

Intervengono Earth Umbria 

Ora sulla vicenda intervengono Earth Umbria che da tempo si occupa delle vicende del cimitero. A parlare è il presidente Niccolò Francesconi: “E’ normale una situazione del genere? – si chiede l’associazione – Abbiamo più volte segnalato insieme all’associazione Codici forme di degrado riguardo guano e altre problematiche all’interno del cimitero di Terni. Chiediamo interventi decisivi da parte della nuova amministrazione comunale. Bene  l’intervento del nuovo sindaco Leonardo Latini riguardo la problematica nata in questi giorni, ma invitiamo lo stesso con la nuova giunta a intervenire in maniera decisa contro ogni forma di degrado che è sempre più visibile in alcuni punti del cimitero. E’normale che in uno stabile nuovo e sacro, molti cittadini devono fare lo slalom per non pestare molte volte il guano di piccione oppure i residui dello stesso? E’ normale che in uno stabile come il cimitero non si riescono a riparare le buche che in molte parti dello stesso sono sempre piu profonde? L’associazione Earth Umbria e Codici per voce del responsabile regionale Massimo Longarini chiedono al primo cittadino un intervento urgente verso queste problematiche invitando lo stesso a effettuare un sopralluogo in modo tempestivo per verificare il tutto e di andare a verificare tutti i cimiteri presenti nel comprensorio ternano proprio per intervenire in maniera decisa  per la salvaguardia e la salute dei cittadini”.