Gli scheletri in ogni città e le grandi opere incompiute della Nazione

Gli scheletri in ogni città e le grandi opere incompiute della Nazione

giugno 11, 2018 0 Di Federica Fiocchi

Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Gli scheletri in ogni città e le grandi opere incompiute della Nazione

L’opera pubblica, lo designa il termine stesso dovrebbe garantire ed essere destinato al godimento di un interesse pubblico

L’esecuzione di un opera, viene preventivamente studiata con un fase di progettazione preliminare, conseguentemente segue una valutazione economica che consente di stabilire i tempi della realizzazione i costi di esecuzione e, successivamente con la fase esecutiva si valuta la cantierizzazione delle opere.

Al fine di realizzare un opera pubblica, vi è la consapevolezza di confrontare e valutare, l’aspetto positivo dei benefici e, l’aspetto negativo legato ai costi, il rapporto tra benefici e costi vanno confrontati in rapporto alla realizzazione dell’opera.

In Italia, sulla base dei dati disponibili si evidenziano dei trend di tendenza, sono molte le opere incompiute tra strade, palazzi, fontane, parchi, ponti e talvolta gallerie, ciò non pone limite alle solite differenze tra il nord ed il sud, una sconcertante omogeneità nazionale.

Sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si rende noto che, le stazioni appaltanti e gli enti devono assicurare l’aggiornamento 2017 dell’elenco anagrafe delle opere pubbliche incompiute del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti entro il 31 marzo 2018, lo ricorda la Direzione Generale per la Regolazione ed i contratti pubblici del Mit.

Sulla base dei dati ricevuti, il Ministero, le Regioni e Province autonome, con il supporto di Itaca, entro il 30 giugno 2018 pubblicheranno l’aggiornamento annuale dell’anagrafe delle opere incompiute. Il Sistema informativo di monitoraggio delle opere incompiute (Simoi) è stato attivato al Mit ed è accessibile al sito www.serviziocontrattipubblici.it.

Ai cittadini bisogna far comprendere, quale sarà il destino, l’eventuale completamento, il riutilizzo o la demolizione, delle ‘incompiute’ anche in base anche al recente regolamento 16/2018, previsto dal Codice dei Contratti, che disciplina le procedure e gli schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione della programmazione di  lavori, servizi e forniture, della programmazione triennale dei lavori 2019-2021.