Terni, premiati i ragazzi dell’istituto comprensivo Felice Fatati

Terni, premiati i ragazzi dell’istituto comprensivo Felice Fatati

giugno 10, 2018 0 Di Simona Maggi
Fai scorrere la notizia nei Tuoi Social

Terni, premiati i ragazzi dell’istituto comprensivo Felice Fatati

E’ stato l’auditorium dell’istituto comprensivo Felice Fatati che ha ospitato la cerimonia di premiazione dei giochi matematici e di consegna di due borse di studio agli studenti meritevoli per l’anno scolastico 2017-2018

Le borse di studio, consistenti in buoni scuola ciascuno del valore di € 300, sono state donate dall’associazione Claudio Conti, a ricordo della bontà e della generosità del ragazzo a cui essa è intitolata.

L’associazione, che da anni si impegna per sostenere progetti di solidarietà indirizzati a bambini africani, rivolge la sua attenzione anche alle realtà del territorio, offrendo fattiva collaborazione alla scuola e apportando il suo significativo contributo all’interno del patto di collaborazione stretto con il Comune di Terni.

Adottiamo una scuola è il nome del progetto condiviso tra l’associazione, l’istituto Fatati e il Comune, che punta attraverso una serie ben pensata di iniziative ad affiancare la scuola nello svolgimento del suo complesso ruolo di agenzia formativa e ad instillare nei ragazzi il senso di appartenenza alla comunità. In un clima festoso, con un’ampia partecipazione di docenti e alunni e famiglie, sono stati consegnati i riconoscimenti ad Agnese Laudizi, studentessa della classe III A, e Gabriele Batini della III C.

I premi sono stati assegnati in base a un criterio che ponderava il merito scolastico con l’analisi dei dati di contesto forniti alle Invalsi, relativi all’occupazione dei genitori degli alunni.

Oltre alle borse di studio, sono stati consegnati diversi altri riconoscimenti a numerosi studenti che durante l’anno scolastico si sono distinti per le loro qualità, la bravura e l’impegno.
Il pomeriggio è proseguito all’insegna della musica con il saggio del progetto Pianisti Fatati a cura del professore Giovanni Mattei e della professoressa Pia Giani.